Value bet: la chiave del successo nelle scommesse

Una delle cose più importanti per ottenere successo nelle scommesse è la ricerca di valore o meglio di Value Bet, scommesse di valore che rappresentano un po’ una sorta di sacro Graal simile a quello che anche i traders nel mondo degli investimenti ricercano in termini di strategie ed indicatori magici.
Ovviamente le formule magiche non esistono in nessun settore ma il metodo di lavoro è quello che alla fine premia di più soprattutto sul lungo termine ed in chiave valore e di conseguenza profitto.

Per capire meglio il concetto di value bet e quindi di valore possiamo prendere come esempio un momento tipico della stagione del commercio, quello dei saldi in cui è possibile comprare beni di valore a prezzi migliori.
Anche se le due cose possono non sembrare attinenti, in realtà proprio da questo confronto andiamo a capire un concetto di assoluta importanza e che ci sarà utile nel nostro modo di impostare le scommesse in termini di investimento puro.
Se noi comprassimo un abito in saldo, mediamente fra il 30% ed il 50%, possiamo dire di aver fatto un affare perché abbiamo acquistato ad un prezzo inferiore un oggetto di valore maggiore.
Se avessimo speso 70 invece di 100, fondamentalmente è come se avessimo guadagnato 30 euro e quindi abbiamo dato un valore al nostro acquisto.
Ma passiamo ora all’esempio sportivo ed in particolare a quello calcistico che rappresenta sempre lo sport verso il quale convergono fondi e scommesse dai volumi consistenti da tutte le parti del mondo.
Prendendo una partita a caso, ipotizziamo Milan-Fiorentina di un qualsiasi campionato passato con un over 2.5 mediamente quotato 1.90, noi sappiamo che il mercato di riferimento in questo caso, ci dice che la probabilità che questo evento si presenti sia del 52%.
Tuttavia dopo aver analizzato la partita prendendo in considerazione tutti i dati a nostra disposizione, ci rendiamo conto che le reali probabilità che ciò accada sono superiori al 60%.
Tornando all’esempio precedente dei saldi, ecco che si sta ripresentando un possibile affare alla nostra portata, ovvero acquistare a 52 qualcosa che vale 60.
Infatti nel calcolo della probabilità fra ciò che stima il bookmaker, 52 e ciò che risulta dai nostri studi a noi, 60, c’è una differenza di 8 a nostra favore che rappresenta appunto valore a nostro vantaggio.

Il rapporto fra probabilità implicita e probabilità stimata è ciò che un bettor professionista deve saper calcolare ed è il metodo che permette di andare a caccia di value-bet, la nostra preda principale per poter piazzare una scommessa vincente e quindi un investimento di conseguenza sicuro.

 

Come si possono trovare la value-bet?

Domanda da un milione di dollari, come ricercare la gallina dalle uova d’oro.
In realtà si deve semplicemente andare a caccia di informazioni ma di qualsiasi tipo, ma andando ad individuare quelle giuste che fanno al caso nostro.
Troppe informazioni rischiano infatti di essere controproducenti ed andare solamente a generare confusione facendoci perdere tempo e lucidità mentale.

Ad esempio, avrebbe senso visionare i precedenti fra due squadre di qualche anno fa o meglio concentrarsi sulle vicende attuali?

Chiaramente la risposta è quella relativa al presente e non sicuramente ai fattori che hanno influenzato gare ormai concluse da tempo.
Bisogna quindi semplificare quelli che sono i parametri dei nostri studi creando una strategia di analisi uniforme, snella ed affidabile che a nostro avviso si può basare su 5 punti fondamentali e che andremo ora ad elencare:

  • Caratteristiche del match
  • Forza reale delle squadre in campo
  • Stato di forma dei contendenti
  • Precedenti fra le due squadre
  • Fattori esterni che possono condizionare un match

Le caratteristiche di un Match

Questo è un parametro spesso ignorato ma in realtà di fondamentale importanza tanto che la maggior parte delle scommesse viene persa proprio a causa del fatto che in molte partite è difficile individuare un vero e proprio trend e spesse volta la casualità nel verificarsi di un evento è piuttosto marcata visto che molti campionati, rimanendo nell’ambito del calcio, sono difficilissimi da inquadrare da un punto di vista razionale.
E’ molto importante ad esempio individuare la competizione per la quale si sta svolgendo il match analizzato.

Un’amichevole ad esempio avrà un più marcata dose di casualità proprio per il fatto che l’importanza dell’evento è molto bassa e spesse volte in questo tipo di partita vengono sperimentate molte cose che poi saranno o meno utilizzate nei match ufficiali.
Se invece la partita scelta si trova all’interno di una competizione come una coppa, cambia tutta ma anche qua è necessario un distinguo:

  • la Champions League è diversa dalla coppa nazionale dove spesse volte si incontrano squadre di ranghi molti differenti così come il fattore temporale indice molto vista la distanza fra una partita e l’altra a livello di calendario ed il fatto che le coppe rispetto ai tornei nazionali hanno meno partite e quindi meno possibilità di studiare il comportamento di una squadra.
  • Ecco invece che parlando di campionati cominciamo ad avere davanti a noi eventi dove c’è un fattore che può essere determinante ovvero la costanza che ci permette di analizzare dati certi che regolarmente vengono aggiornati ogni settimana.

Il concetto di trend di cui parlavamo poco prima diventa più facilmente individuabile e rende più facile scegliere quella che diventerà la nostra value-bet.

Scelto l’evento bisogna però andare ancora ad effettuare un ulteriore analisi che riguarda la tipologia di partita ed il periodo della stagione.

Un derby ad esempio sarà molto più difficile da pronosticare rispetto ad una partita “classica”, proprio perché essendo un match molto sentito sopratutto dalle tifoserie potrebbe avere implicazione sterne che vanno ad incidere sul risultato della partita.
Il periodo della stagione va invece preso in considerazione quando ad esempio nel finale di un campionato con molti posizionamenti già decisi, spesse volte squadre blasonate finiscono per pareggiare o perdere contro squadre ancora in lotta per i loro obiettivi.
Due fattori questi che non devono sfuggire ad un bettor professionista o a chi sogna di diventarlo.

La forza delle Squadre

Questo parametro di basa sul concetto di causa-effetto con l’effetto che rappresenta l’obiettivo che una squadra deve raggiungere mentre la causa è il percorso per arrivare all’obiettivo finale.

Prendiamo in considerazione la Juventus Campione d’Italia negli ultimi sette anni. Che cosa ha permesso di raggiungere questo traguardo in maniera quasi automatica?

Ovviamente la capacità di fare più goal degli avversari, subirne meno, creare occasioni da goal, vincere gli scontri più importanti e così via.
Tutto ciò è avvenuto grazie ad ulteriori parametri che hanno reso il tutto possibile a partire dal blasone della squadra.

Se la Juventus ha saputo ripetersi sette anni di fila in Italia, la stessa cosa ad esempio non è accaduta al Leicester in Inghilterra quando vinse a sorpresa la Premier League. Ecco il concetto di blasone rispetto ad esempio ad un’impresa sportiva miracolosa avvenuta una sola volta.
Chi ha provato a scommettere sul Leicester l’anno successivo alla vittoria del campionato ha sicuramente collezionato parecchie delusioni a differenza di chi ha giocato sulla Juventus.
Ma ci sono anche ulteriori fattori determinanti come il valore della rosa, dal punto di vista tecnico e della possibilità economica e finanziaria di un club e la capacità offensiva e difensiva di una squadra che non va vista come una serie di freddi numeri ma va interpretata andando a leggersi correttamente tutte le statistiche di cui un bettor professionista non può fare assolutamente a meno.

Stato di forma delle squadre

Leggendo le statistiche diventa fondamentale analizzare lo stato di forma delle squadre anche se ciò non impedirà di cadere in errore in quanto anche la squadra più in forma, reduce da vittorie su vittorie, prima o poi potrà cadere in quella che in gergo viene chiamata rottura della sequenza statistica. Ma anche questo può farci suonare un campanello d’allarme nell’evitare squadre troppo in forma soggette a questo tipo di evento statistico.
C’è poi il discorso fisico e quello mentale che vanno approfonditi in maniera minuziosa per estrapolare informazioni di assoluta importanza.
Dal lato fisico a noi interessa sicuramente il trend nelle ultime 5 gara, come una squadra si comporta in casa ed in trasferta, quanto attacca e tira in porta e quanto segna effettivamente ma anche viceversa quanto subisce.
E’ poi importante capire la rosa disponibile per calcolare quello che abbiamo visto all’inizio dell’articolo cioè il valore reale rispetto alla quota decisa dal bookmaker, proprio perché la presenza di infortunati o squalificati potrebbe cambiare implicitamente proprio questo valore.
Infine il calendario per poter capire gli impegni ravvicinati di una squadra rispetto all’altra, quando ad esempio fra due squadre che si affrontano in campionato, una magari è stata impegnata tre giorni prima in una partita di coppa con tante di fatica accumulata comprensiva di viaggio se si trattava ad esempio di una trasferta.
Dal discorso fisico se passiamo invece all’aspetto mentale dobbiamo tenere conto di alcuni fattori davvero determinanti come lo stato d’animo di una squadra, che potrebbe essere reduce da una serie di sconfitte oppure da un goal decisivo preso all’ultimo minuto di gioco, ma anche dalla forza del gruppo dal punto di vista dello spogliatoio che ha dimostrato in passato di saper reagire ed essere forte sopratutto psicologicamente o che invece ha una situazione di gestione molto difficile dal lato caratteriale per finire con le motivazioni.
Quest’ultimo fattore ci porta ad evitare le squadre che aleggiano nei campionati a metà classifica e che non avendo particolari motivazioni non ci danno modo di capire perfettamente quale potrà essere il loro impegno e modo di giocare e che quindi non ci permetteranno un’analisi completamente affidabile per piazzare la nostra value-bet correttamente.

Precedenti fra 2 squadre

I precedenti è un tipo di fattore fra l’utile ed il completamente inutile che tuttavia non va sottovalutato.
Normalmente come abbiamo detto all’inizio è scarsamente interessante andare alla ricerca dei precedenti fra due squadre di qualche anno prima perché sicuramente sono cambiate moltissime cose, dal valore delle rose fino a la situazione ed il momento in cui si è disputato l’incontro.
Ci sono tuttavia dei precedenti importanti e per fare un esempio classico basta ricordarsi della famosa finale di Champions League perda dal Milan contro il Liverpool dopo una rimonta clamorosa dal punteggio di 3-0 per i rossoneri, 25 maggio 2005.
Due anni dopo le due rivali si ritrovarono di fronte per una rivincita sempre in finale della stessa manifestazione. Ecco che qui il precedente diventa davvero interessante , proprio perché per come si era concluso quel match pensare ad un Milan fortemente motivato era qualcosa di davvero plausibile.
Così avvenne con la vittoria dei rossoneri e quindi con una scommessa che sei piazzata pre match poteva davvero avere un valore molto interessante per chi avesse analizzato questa partita seguendo l’importanza dei precedenti nel modo corretto.

BookmakerBonus e PromozioniScommesse
10 euro deposito
bonus disponibili
Sport
Sport Live
Casino
Punta e Banca (trading sportivo - Betting Exchange)

10 euro deposito
bonus disponibili
Sport
Sport Live
Casino

I fattori esterni che condizionano un Match

Lo sport in generale ma sopratutto il calcio è diventato un business e da qui è partito tutto il discorso relativo alle scommesse come investimento.
Ecco perché c’è molta attenzione a tutto ciò che ruota dietro questo mondo e che passa sotto il nome di fattori esterni.
Ad esempio una squadra presa di mira dalla contestazione dei propri tifosi per i risultati deludenti, oppure un’indagine nei confronti di un calciatore o di un esponente della società o ancora l’esonero di un allenatore.
Tutti fattori che possono condizionare una squadra ed il suo rendimento nella partita successiva e che faremmo bene a non sottovalutare.
Anche il problema del calcio scommesse non va dimenticato perché dove girano soldi purtroppo è ormai stato dimostrato più volte possono esserci degli accordi che indirizzano una partita verso un determinato risultato.
Prevedere queste cose è impossibile ma ci sono degli accorgimenti utili, che vedremo in articoli successivi, che possono tenerci lontani da match di questo tipo.

Conclusioni

Nell’attuale era di internet abbiamo davvero tutto per poter ricercare la nostra value-bet, con siti di statistica, partite in streaming, testate giornalistiche, social network e tanto altro per raccogliere tutte le informazioni a noi necessarie.
Quello che dobbiamo imparare è come applicare correttamente questo metodo di lavoro che abbiamo appena descritto in questo articolo che può diventare davvero la base per trasformarsi in bettor vincenti ed uscire da quel 98% di scommettitori storicamente perdenti.

La nostra offerta, oltre ad una sezione formativa in costante aggiornamento, è quella di un gruppo Telegram a quota mensile che vi garantisce segnali su scommesse vincenti quotidianamente con rinnovo gratuito in caso, a nostro avviso impossibile, di non guadagno.

Leave a Comment

(required)

(required)